Riprendere le buone abitudini

L’emergenza da COVID-19 ha stravolto l’esistenza di tutti.

Il confinamento a casa ha scandito un nuovo ritmo di vita, generato nuove esigenze e modificato le nostre abitudini, incluse quelle alimentari.

Durante la prima fase della pandemia, nel nostro Paese si è registrato un notevole aumento degli acquisti di alcune categorie di prodotti.

Immancabili nel carrello della spesa degli italiani scorte, ad esempio, di farina, uova, burro, pasta, ma anche “comfort food” come spalmabili dolci, gelati, wafer e altri alimenti acquistati più del solito a causa dell’effetto “resto a casa”.

In questo periodo in cui prestiamo particolare attenzione alla nostra salute e a quella dei nostri cari, proteggendoci dal contagio da SARS-CoV-2, non dobbiamo dimenticare l’importanza di un corretto stile di vita come strumento di prevenzione e benessere a lungo termine.

Lucilla Titta, biologa nutrizionista dell’Istituto Europeo di Oncologia (IEO) di Milano, ci ricorda che “per restare in salute e prevenire eventuali patologie, anche in questo caso, occorre seguire le linee guida per una sana alimentazione stilate dal Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA)”.

Ecco, quindi, alcune indicazioni generali per (ri)prendere delle buone abitudini.

  • Preferire il consumo di frutta e verdura
  • Bere una adeguata quantità di acqua
  • Variare l’alimentazione
  • Ridurre il consumo di grassi, sale e zucchero
  • Consumare alimenti ricchi in fibre
  • Fare attenzione ai pasti ipercalorici

E per gli “smart worker”, che possono godere della flessibilità degli orari lavorativi, la dr.ssa Titta consiglia di “distanziare la cena dalla colazione, quindi, cenare entro le ore 20:00 e fare colazione dopo le 8 del mattino, dilatando il digiuno notturno e favorendo molte funzioni dell’organismo, così come il controllo del peso”; inoltre, meglio limitarsi a 3 pasti al giorno e  evitare gli snack.

Ultimo consiglio, ma non per importanza: contrastare la sedentarietà con l’esercizio fisico. Per gli adulti in salute va bene anche l’attività moderata purché svolta per almeno 2,5 ore nell’arco della settimana e da associare, 2 volte a settimana, a esercizi mirati al rafforzamento muscolare.

OggiScienza.it

Nielsen.com

 

Linee Guida per una sana alimentazione. Revisione 2018. CREA. Novembre 2019.

Disponibile su: https://www.crea.gov.it/web/alimenti-e-nutrizione/-/linee-guida-per-una-sana-alimentazione-2018

Newsletter

Ho letto l'informativa