Mind the content gap

E se la maggior parte dei brand sparisse domani?

Nessuno se ne accorgerebbe.

Catturare l’attenzione di un utente diventa sempre più complicato. La competizione è altissima e spesso manca una chiara strategia nella creazione di un contenuto.

La soluzione? Comunicare qualcosa di significativo, che sia coerente con l’esperienza dell’utente.

Havas indaga sul divario tra strategie e realtà. Per il 71% degli intervistati dell’ultimo Report Havas, un brand che crea un buon contenuto merita la nostra attenzione.

I 2/3 del campione si aspetta, per esempio, che le aziende giochino un ruolo sempre più attivo quando si parla di benessere e responsabilità sociale.

Cos’è quindi il content gap? Ciò che differenzia la teoria dalla pratica.

Gli intervistati affermano che più della metà dei messaggi non arriva correttamente all’utente.

Il contenuto rimane un messaggio privo di significato, accattivante a livello creativo.

Secondo Stuart Butler, Chief Strategy Officer di Havas Media UK: “Esattamente come il mondo digital, il content marketing non è un canale ma un approccio”.

Bisogna seguire ciò che ci dicono gli utenti. Le loro abitudini, i loro comportamenti sono il punto di partenza di un contenuto ricco di significato.

Brand e pubblico parlano la stessa lingua?

Nella maggior parte dei casi sembra di no.

 

Scopri di più

Newsletter

Ho letto l'informativa